Arte e Cairo in mostra al Palazzo della Permanente di Milano


Fino al 26 ottobre al Palazzo della Permanente di Milano è possibile vedere le opere di finalisti e vincitori dei Premi Arte e Cairo 2014, le cui premiazioni hanno avuto luogo il 22 ottobre.

Queste esposizioni rappresentano una vetrina sullo stato dell’arte attuale, una ricognizione dei linguaggi emergenti per quanto riguarda il Premio Arte e più consolidati per il Premio Cairo.

Al primo piano si apre la mostra dei finalisti del Premio Arte 2014, dedicato a tutti gli artisti che non abbiano esposto in mostre personali di rilievo e gli studenti di accademie e scuole d’arte.

La Targa d’oro in pittura e il Premio Biffi sono stati assegnati a Simone Prudente, che ha presentato Are you interested in a medical encyclopedia?, un acrilico su tela di impronta minimalista, che in una piccola parte della composizione mostra un signore intento a osservare il contenuto di un tombino aperto, a noi celato, su uno sfondo giallo che annulla spazio e tempo.

Targa d'oro pittura Simone Prudente

Targa d’oro pittura Simone Prudente

Per la scultura la Targa d’oro è andata a Fosca Boggi per l’opera Rodeo Pop, che attraverso la ceramica dà forma a giocattoli per l’infanzia, che sorprendono per la verisimiglianza. 

Targa d'oro scultura Fosca Boggi

Targa d’oro scultura Fosca Boggi

Eracle Dartizio si è aggiudicato la Targa d’oro per la grafica proponendo una composizione di Aforismi che si contraddistinguono per un’impronta calligrafica realizzata con una stampa a getto d’inchiostro e interposta tra due vetri, ognuno incorniciato a sè e portatore di un aforisma su carta nella parte inferiore, quasi una didascalia.

Targa d'oro grafica Eracle Dartizio

Targa d’oro grafica Eracle Dartizio

La Targa d’oro per la fotografia è andata a Samir Khadem per Escalators, che, realizzata in bianco e nero, riprende dall’alto una scala mobile da cui un uomo guarda altrove.

Targa d'oro fotografia Samir Khadem

Targa d’oro fotografia Samir Khadem

I Premi Accademia per pittura, scultura, grafica e fotografia sono stati vinti nell’ordine da: Francesco Snote, Franco Fissore, Enrico Pierotti, Chiara Passalacqua.

Al piano terra della Permanente si estendono la mostra dedicata ai venti finalisti under 40 del Premio Cairo, selezionati dalla redazione di Arte, nonché la collezione Cairo che si è formata con le opere dei vincitori dal 2000, anno di creazione, a oggi.

Il vincitore del Premio Cairo 2014 è Fabio Viale, che ha presentato La suprema, un’opera in marmo che simula il legno di due cassette di frutta sovrapposte creando uno spaesamento percettivo nell’osservatore. La grande dimensione (l’opera misura 181x161x116) eleva questi oggetti di uso quotidiano, e composti nella realtà da un materiale così povero come è il legno, a un monumento che esprime severità ed equilibrio formale, rinviando all’utilizzo del marmo e alla mimesis antichi.

Fabio Viale, "La Suprema"

Fabio Viale, “La Suprema”

Fabio Viale lo si è già incontrato al Premio Cairo del 2006, prima di quest’anno unica edizione per cui la vittoria è stata assegnata a una scultura, in particolare all’opera Auto Taxi realizzata in cartone e in dimensioni reali, da Chris Gilmour.

I finalisti del Premio Cairo di cui sono visibili i lavori al Palazzo della Permanente, oltre a Fabio Viale, sono: Paolo Amico, Salvatore Arancio, Aurora Meccanica (gruppo formato da Fabio Alvino, Roberto Bella e Carlo Riccobono), Marco Basta, Valerio Berruti, Mattia Bosco, Sergio Breviario, Francesco Candeloro, Rä Di Martino, Michael Fliri, Angelo Formica, Giulio Frigo, Debora Garritani, Giuseppe Gonella, Andrea Mastrovito (che molti davano per favorito alla vigilia), Ieva Petersone,Giusy Pirrotta, Alice Ronchi, Valentina Sommariva.

Arte Recensioni

Leave a Reply